avana dapoxetine
Giovedì, 27 Aprile, 2017
   
Text Size

Ricerca Automatica Avanzata

Inni al vicesindaco arrestato «I cori segnalati a Roma»

prefettopalombaI cori da stadio a difesa dell'ex vicesindaco di Parabita Giuseppe Provenzano, indagato per concorso esterno in associazione mafiosa e arrestato a metà dicembre, insieme ad altre 21 persone, nell'ambito dell'operazione "Coltura" della Direzione distrettuale antimafia, consegnano alla cronaca del territorio «un dato sconfortante e preoccupante», secondo il prefetto Claudio Palomba. «Segnaleremo tutto al Viminale - annuncia - ed è mia intenzione riprendere e completare, fino all'attivazione, un protocollo di legalità dedicato alle società sportive che coinvolgerà sia la Federazione Italiana Gioco Calcio che il Coni».

 

Lo sport come catalizzatore del consenso: è questa, per gli addetti ai lavori, una delle frontiere lungo le quali si muove la nuova criminalità organizzata. Il caso dello Sporting Locri - lo ricorda anche Palomba - è esemplare, con la dirigenza costretta a dimettersi in blocco dopo le intimidazioni subite dalle 'ndrine calabresi. E per quanto diversi siano i fatti avvenuti a Parabita, sui quali ancora indagano i magistrati, e la cornice all'interno della quale si sono sviluppati - il Salento, infatti, non è la Locride - il segnale, insiste Palomba, «deve essere chiaro».

Parabita attenzionata speciale. Su presunte connivenze e infiltrazioni mafiose nei gangli della macchina amministrativa del Comune, come sul fronte, più ampio, della gestione del ciclo dei rifiuti: «Da tempo - dice il prefetto - stiamo seguendo con attenzione alcune forme associative di gestione dei servizi, come l'Ambito di raccolta ottimale 9», del quale proprio Parabita è stato Comune capofila. E, ancora, sulle società sportive. «Alcuni campanelli si sono accesi, a partire dall'ipotesi Squinzano, e continueremo a seguire la situazione. Le zone "grigie" emerse in questi mesi sono più numerose rispetto a quanto pensassi al momento del mio arrivo qui in Salento e prenderemo le misure necessarie». Fra queste, anche il protocollo con Figc e Coni.

 

La Procura ha già acquisito il video degli Ultras Parabita che gridano "Provenzano sempre presente" durante la partita di due giorni fa contro il Castrignano de' Greci. Un coro a difesa dell'ex vicesindaco e preparatore atletico dei portieri della squadra, presenza fissa sugli spalti (fino al 16 dicembre, giorno dell'arresto) e da sempre grande tifoso dei gialloverdi, dei quali vent'anni fa ha difeso la porta. «La magistratura sta già seguendo da vicino quanto avvenuto allo stadio e i Daspo, in casi simili, non sono lo strumento più efficace per intervenire perché ci troveremmo - spiega Palomba - a doverlo disporre per le tifoserie di mezza Italia. Certo, esiste anche una giustizia sportiva e certo, ancora, la prefettura segnalerà questi fatti al Viminale» dove esiste un Osservatorio specifico sulle manifestazioni sportive.

 

«Dovremo mettere un occhio anche sulle società sportive - continua Palomba - e su chi le gestisce. Mi sto attivando per riprendere e portare avanti il protocollo di legalità con Figc e Coni, che prevede una stretta collaborazione con le forze dell'ordine. Purtroppo si dà troppo per scontato che l'ambiente sportivo sia "pulito" e che lo siano anche le gestioni. Se ci sono stati o ci saranno in futuro tentativi di infiltrazione, dovranno essere immediatamente denunciati alle autorità preposte».

 

Fonte: Paola Ancora Nuovo Quotidiano di Puglia

Written by :
ParabitaLife
 
Commenti (0)add comment

Scrivi commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy

Login Form

cialis soft 20mg
Designed by Globat Directory